• Sun. Dec 4th, 2022

I ghiacciai del mondo si stanno sciogliendo più velocemente del previsto, con conseguenze visibili

ByGruppo Successo

Aug 5, 2022

Le temperature estreme che l’Europa ha sperimentato nelle ultime settimane hanno determinato un aumento del tasso di scioglimento del manto nevoso nei ghiacciai alpini. Come in molte altre parti del mondo, le conseguenze sono sempre più visibili sulle Alpi, dove i ghiacciai sono particolarmente vulnerabili a causa delle loro dimensioni e magrezza ridotte.

La Terra si sta riscaldando e il suo ghiaccio si sta sciogliendo. Per anni, le immagini degli orsi polari alle prese con le loro case che si stanno restringendo ci hanno avvertito dello scioglimento delle calotte polari. L’innalzamento del livello del mare, lo spostamento dei confini, le valanghe, le inondazioni: le conseguenze sono chiaramente visibili e non è necessario andare fino in Antartide per vederle.

In Pakistan, alle porte dell’Himalaya o in Alaska, i segnali che lo scioglimento dei ghiacci sta accelerando sono ovunque, mentre i disastri climatici stanno diventando più frequenti.

In Europa, le temperature estreme hanno portato a uno scioglimento più rapido e precoce del manto nevoso nei ghiacciai alpini, a un ritmo senza precedenti dall’inizio del monitoraggio 60 anni fa, secondo i dati consultati da Reuters.

Infiltrazioni d’acqua e valanghe di roccia

Dopo un inverno con poca neve, il Alpi ha visto due prime ondate di caldo a giugno e luglio. Durante la più recente, il livello di congelamento (detto anche 0°C isoterma, linea di altitudine fittizia dove la temperatura esterna raggiunge lo zero) è stato stabilito a quota 5.184 metri in Svizzera – più alta della vetta del Monte Bianco – mentre normalmente è situato tra 3.000 e 3.500 metri in estate.

Mentre lo scioglimento dei ghiacciai a causa di cambiamento climatico è una minaccia globale, quelli nel Le Alpi sono particolarmente vulnerabili a causa delle loro dimensioni ridotte e magrezza.

Il 3 luglio il ghiacciaio italiano della Marmolada – il punto più alto delle Dolomiti e uno dei Italiai percorsi escursionistici più conosciuti – crollò su una delle cime della montagna: la Punta Rocca di 3.309 metri. Le temperature eccezionalmente elevate delle ultime settimane hanno accelerato lo scioglimento del permafrost, che è il “cemento” che consolida la montagna. Almeno due cordate erano sul ghiacciaio al momento del crollo, che ha ucciso 11 persone.

Un elicottero partecipa a un'operazione di ricerca e soccorso sul sito del crollo mortale di parti di un ghiacciaio di montagna nelle Alpi italiane a temperature record, sulla cresta della Marmolada, in Italia, il 6 luglio 2022.
Un elicottero partecipa a un’operazione di ricerca e soccorso sul sito del crollo mortale di parti di un ghiacciaio di montagna nelle Alpi italiane a temperature record, sulla cresta della Marmolada, in Italia, il 6 luglio 2022. © Guglielmo Mangiapane, Reuters

di Francia Laboratorio di Glaciologia e Geofisica dell’Ambiente controlla da vicino un gran numero di ghiacciai.

“Molte lingue di ghiaccio (uno stretto strato di ghiaccio) non mostrano caratteristiche di imminente collasso, ma molta acqua transita sui ghiacciai a causa dello scioglimento estivo”, Sylvain Coutterand, geomorfologo e glaciologo e autore di “Atlas des glaciers disparus ” (Atlante dei ghiacciai mancanti), ha detto al canale francese BFMTV.

“Le lingue di ghiaccio scivolano più velocemente e, se si assottigliano, sono meno resistenti alle sollecitazioni che il ghiacciaio riceve sul letto roccioso e possono quindi rompersi”, ha spiegato.

I ghiacciai alpini si riducono a zero

Il ghiacciaio del Morteratsch in Svizzera non assomiglia più alle immagini delle guide della regione. La lunga lingua di ghiaccio bianca che scorreva lungo gran parte della valle, e che è il terzo ghiacciaio più grande delle Alpi orientali, si è ridotta di circa 3 chilometri di lunghezza. La sua larghezza si è ridotta di circa 200 metri.

Secondo i dati della rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai Glamos e della Libera Università di Bruxelles, questo ghiacciaio sta perdendo 5 centimetri di spessore al giorno e si è già sciolto più di quanto non abbia fatto dopo un’intera estate regolare.

Con un aumento della temperatura di circa 0,3°C ogni decennio, il riscaldamento in Europa si sta verificando a una velocità quasi doppia rispetto alla media globale. Gli esperti temono che i ghiacciai alpini scompaiano prima del previsto se i prossimi anni saranno caratterizzati da ripetute ondate di caldo, avverte Matthias Huss, direttore di Glamos.

In una relazione speciale pubblicata nel 2019, il IPCC (Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) ha avvertito che i ghiacciai delle Alpi avranno perso più dell’80 per cento della loro massa attuale entro il 2100 e che molti di loro sono già destinati a scomparire, indipendentemente dalle misure che potrebbero essere adottate per limitare le emissioni di gas serra.

Un confine mutevole tra Italia e Svizzera

In Austria “i ghiacciai sono ormai spogli fino alle cime”, ha detto Andrea Fischer, glaciologo dell’Accademia austriaca delle scienze.

“Possiamo facilmente immaginare il risultato alla fine dell’estate (…) di massicce perdite di ghiacciaio copertina nelle Alpi italiane”, ha osservato Marco Giardino, vicepresidente del Comitato Glaciologico Italiano.

Questo scioglimento dei ghiacciai ha addirittura spostato il confine italo-svizzero. Seguendo la linea di separazione delle acque – il suo corso settentrionale segna il territorio svizzero e quello meridionale, italiano – il confine è stato progressivamente modificato dallo scioglimento del ghiacciaio del Theodul. Quest’ultima ha perso quasi un quarto della sua massa tra il 1973 e il 2010, riducendosi a nuda roccia e costringendo i due paesi limitrofi a ridisegnare la propria linea di separazione di alcune decine di metri.

La questione non è di poco conto: il Rifugio Guide del Cervino, originariamente sorto in territorio italiano, si trova a questo punto a quota 3.480 metri. Tuttavia, quando il confine si è spostato a causa dello scioglimento del ghiacciaio, due terzi del rifugio sono ora ufficialmente in Svizzera – un problema che ha portato ad intensi negoziati diplomatici tra i due Paesi.

>> Nelle immagini: Siccità, incendi e scioglimento dei ghiacciai affliggono l’Italia

Laghi glaciali e inondazioni in Pakistan

Lo scioglimento dei ghiacciai crea un alto rischio di inondazioni, case distrutte e rischio per la vita. Il rapido scioglimento dei ghiacciai sta creando anche migliaia di laghi glaciali.

In Pakistan, dove ci sono migliaia di ghiacciai ai piedi dell’Himalaya, il Paese è stato recentemente duramente colpito dalle conseguenze del cambiamento climatico. Nella regione nord-orientale di Hunza, una grave inondazione causata dallo scioglimento dei ghiacci ha devastato il villaggio di Hassanabad.

Questa fotografia, scattata il 7 maggio 2022, mostra un ponte parzialmente crollato a causa di inondazioni improvvise create dopo lo scoppio di un lago glaciale, nel villaggio di Hassanabad, nel distretto settentrionale di Hunza in Pakistan.
Questa fotografia, scattata il 7 maggio 2022, mostra un ponte parzialmente crollato a causa di inondazioni improvvise create dopo lo scoppio di un lago glaciale, nel villaggio di Hassanabad, nel distretto settentrionale di Hunza in Pakistan. © AFP

L’alluvione – avvenuta quando un’ondata di caldo ha colpito l’Asia meridionale a maggio – ha distrutto nove case del villaggio e ne ha danneggiate una mezza dozzina. L’acqua ha anche spazzato via due piccole centrali idroelettriche e un ponte che collegava la remota comunità al mondo esterno.

Il Pakistan ospita più di 7.000 ghiacciai, più di qualsiasi altra regione o paese al mondo, poli esclusi.

Secondo il governo pakistano, i suoi 33 laghi glaciali – tutti situati nelle catene montuose dell’Himalaya, dell’Hindu Kush e del Karakoram, che hanno tutti un incrocio nel Paese – sono a rischio di esplosione e potrebbero rilasciare milioni di metri cubi di acqua e detriti in solo poche ore, come hanno fatto ad Hassanabad lo scorso maggio.

Quest’anno si sono già verificate almeno 16 inondazioni di laghi glaciali legate all’ondata di caldo, rispetto a una media di cinque o sei all’anno, ha affermato il governo pakistano dopo il disastro di Hassanabad.

>> ‘Like doomsday’: gli abitanti dei villaggi pakistani che vivono nella paura dello scioglimento dei ghiacciai

‘Acqua alta ovunque’

Lo scioglimento dei ghiacciai è accelerato dal 2015 e nessuna regione è stata risparmiata. Tuttavia, il fenomeno colpisce in particolare i ghiacciai dell’Alaska, delle Alpi e dell’Islanda.

In totale, lo scioglimento sta contribuendo a un aumento di oltre il 20% del livello del mare e potrebbe avere conseguenze disastrose per l’approvvigionamento idrico e l’agricoltura in tutto il mondo, specialmente durante le stagioni secche e nelle zone aride.

“I ghiacciai distinti dalla Groenlandia e dalle calotte glaciali antartiche si stanno riducendo rapidamente, alterando l’idrologia regionale, innalzando il livello del mare globale e aumentando i rischi naturali”, ha avvertito un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Naturenel 2021.

Tra il 2000 e il 2019, i ghiacciai hanno perso una massa di 267 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno, equivalente al 21% dell’innalzamento del livello del mare osservato: una perdita di massa maggiore del 47% rispetto a quella della calotta glaciale della Groenlandia e più del doppio di quella di la calotta glaciale antartica.

Una foto scattata il 17 agosto 2019 mostra un iceberg che partorisce con una massa di ghiaccio che si stacca dal ghiacciaio Apusiajik, vicino a Kulusuk (scritto anche Qulusuk), vicino a Sermersooq, sull'omonima isola sulla costa sud-orientale della Groenlandia.
Una foto scattata il 17 agosto 2019 mostra un iceberg che partorisce con una massa di ghiaccio che si stacca dal ghiacciaio Apusiajik, vicino a Kulusuk (scritto anche Qulusuk), vicino a Sermersooq, sull’omonima isola sulla costa sud-orientale della Groenlandia. © Jonathan Nackstrand, AFP

Questa storia è stata tradotta dal originale in francese.

Source link