• Sun. Dec 4th, 2022

Il nuovo governo di estrema destra dell’italiana Meloni volterà le spalle all’Europa?

ByGruppo Successo

Sep 28, 2022

I risultati delle elezioni politiche italiane potrebbero alterare gli equilibri di potere all’interno dell’UE, con partiti euroscettici di estrema destra pronti a guidare il prossimo governo a Roma. L’Italia sta facendo una sorta di inversione di marcia dalla premiership di Mario Draghi, che ha riportato l’Italia al posto di guida dell’Europa e ha rafforzato l’influenza di un paese abituato a prendere a pugni sotto il suo peso.

Draghi ha lanciato un avvertimento alla coalizione di destra pronta a succedergli alla guida della terza economia più grande dell’UE mentre concludeva la sua ultima conferenza stampa, una settimana prima delle elezioni italiane.

“Abbiamo una certa visione dell’Europa. I nostri alleati sono Germania, Francia e gli altri Stati europei che sostengono lo Stato di diritto”, ha detto il premier uscente, commentando la decisione dei principali partiti di estrema destra italiani – Fratelli d’Italia e la Lega anti-immigrati – a cui schierarsi Victor OrbanL’Ungheria nella sua ultima bagarre con Bruxelles sullo stato di diritto.

“La nostra scelta dei partner dovrebbe basarsi sugli interessi degli italiani, non solo su basi ideologiche”, ha aggiunto. “La domanda da tenere a mente è quale di questi partner può aiutarci meglio a proteggere tali interessi”.

In precedenza, Draghi ha stabilito i conti con coloro che hanno accelerato la sua caduta, sbattendo quelli che ha descritto come “marionette a pagamento” promuovendo il presidente russo Vladimir Putinl’agenda in Italia. Non fece nomi, ma tutti capirono che intendeva dire il leader della Lega in maglietta Putin, Matteo Salviniche non adora più apertamente l’uomo al Cremlino ma si oppone ancora alle sanzioni occidentali contro la Russia.

La Lega di Salvini è pronta a tornare al potere dopo quella di domenica elezioni generali – anche se questa volta come partner molto giovane Giorgia MeloniFratelli d’Italia, un partito con radici neofasciste che ha preso un enorme 26 per cento dei voti nazionali, sbaragliando rivali e alleati allo stesso modo. I due partiti di estrema destra hanno ottenuto la maggioranza dei seggi in coalizione con Silvio Berlusconi‘ Forza Italia, aiutato da una legge elettorale contorta che favoriva alleanze larghe.

Da tempo partner junior nelle coalizioni di centrodestra, Giorgia Meloni ha superato alleati e rivali per diventare la forza politica dominante dell'Italia.
Da tempo partner junior nelle coalizioni di centrodestra, Giorgia Meloni ha superato alleati e rivali per diventare la forza politica dominante dell’Italia. © Roberto Monaldo, La Presse via AP

A 85 anni, Berlusconi ha promesso di esercitare un’influenza moderatrice su un governo guidato da Meloni. Fedele alla forma, ha alzato le sopracciglia alla vigilia del voto, descrivendo l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin come un tentativo di mettere “persone decenti” al potere a Kiev.

Tale è la coalizione barocca destinata a subentrare dopo 18 mesi di governo Draghi, un periodo di rara stabilità in cui l’Italia ha svolto un ruolo di primo piano in Europa, contribuendo a costruire un fronte unito contro Mosca e progettando uno storico piano di ripresa dalla pandemia, di cui Roma è di gran lunga il maggior beneficiario.

Un’Europa di ‘sovrano’ nazioni

La prospettiva del governo italiano di più destra dalla seconda guerra mondiale ha suscitato reazioni nettamente diverse in tutta Europa, che vanno dalle celebrazioni esultanti dei partiti euroscettici all’allarme appena velato espresso da alcuni leader dell’UE.

Marine Le Pen, leader del Partito francese di estrema destra, il National Rally, è stata tra le prime a reagire domenica sera, sostenendo che gli elettori italiani avevano insegnato all’Ue una “lezione di umiltà”. I suoi alleati nel partito spagnolo Vox hanno affermato che la vittoria di Meloni ha mostrato “il percorso di una nuova Europa di nazioni libere e sovrane”. Elogi anche dai partiti al governo in Polonia e Ungheria, dove un aiutante di Orban ha evidenziato la loro “visione comune e approccio alle sfide dell’Europa”.

I governi dell’Europa occidentale erano più cauti.

Primo ministro francese Elisabetta Borne ha sottolineato che l’UE ha determinati valori da difendere, compreso il diritto delle donne all’aborto, un riferimento alle iniziative dei governi regionali di estrema destra in Italia per ridurre quel diritto. In Spagna, il ministro degli Esteri Jose Manuel Albares ha avvertito che il populismo “finisce sempre in una catastrofe”. Nei Paesi Bassi, un paese che in passato ha combattuto spesso con l’Italia, il primo ministro Mark Rutte ha affermato che il risultato elettorale è stato “ovviamente motivo di preoccupazione”.

Mario Draghi, raffigurato qui con i leader di Francia e Germania su un treno diretto a Kiev a giugno, ha contribuito a rafforzare l'importanza e l'influenza dell'Italia in Europa.
Mario Draghi, raffigurato qui con i leader di Francia e Germania su un treno diretto a Kiev a giugno, ha contribuito a rafforzare l’importanza e l’influenza dell’Italia in Europa. © Ludovic Marin, AFP

I partner europei dell’Italia hanno buone ragioni per allarmarsi, ha affermato Marie-Anne Matard-Bonucci, professoressa di storia contemporanea all’Università Paris-VIII, specializzata in movimenti di estrema destra.

“Il progetto dichiarato di Meloni è quello di spingere verso un’Europa ‘sovranista'”, ha detto, usando la parola francese sovranista, che si riferisce a partiti che rifiutano il controllo sovranazionale e cercano di ripristinare i poteri ai singoli stati. “Stiamo chiaramente osservando l’inversione di un processo storico che porta a una maggiore integrazione europea”.

In gioco c’è l’equilibrio di potere all’interno dell’UE mentre lotta contro le ricadute della guerra russa in Ucraina e la peggiore crisi energetica e del costo della vita del continente da decenni. L’estrema destra vince Svezia e l’Italia ha alimentato le preoccupazioni a Bruxelles, Parigi e Berlino di un “fronte populista” che potrebbe bloccare il processo decisionale dell’UE.

Il prossimo governo italiano non sarà il primo a includere partiti euroscettici. La Lega ha governato prima, prima con Berlusconi e più recentemente con l’anti-establishment Movimento a 5 stelle. Ma un governo guidato da Meloni sarebbe il primo con una chiara inclinazione ideologica nei confronti dell’Europa, ha affermato la professoressa Leila Simona Talani, responsabile del Center for Italian Politics del King’s College di Londra.

“I governi euroscettici del passato non avevano un’idea chiara di cosa volessero l’Europa, mentre questi partiti sanno cosa vogliono: un’Europa delle nazioni”, ha affermato. “Sono guidati da una chiara ideologia”.

Parigi o Budapest?

Meloni, che ha condotto una campagna con lo slogan “Dio, Patria, Famiglia”, appartiene a un campo arci-conservatore che si sente sotto assedio in un mondo globalizzato in rapida evoluzione. Nella sua mente, le forze assedianti includono l’immigrazione, l’Islam, l’integrazione europea, le “ideologie sveglie” e quelle che lei descrive come “lobbies LGBT”.

>> ‘Madre, italiana, cristiana’: Giorgia Meloni, leader italiano di estrema destra all’apice del potere

Tali opinioni sono più in linea con Varsavia e Budapest piuttosto che con Parigi e Berlino, ha affermato il quotidiano italiano di sinistra “La Repubblica” in un editoriale martedì.

“Questa non è una mera considerazione geografica. Un cambio di fronte da parte di Roma scatenerebbe un terremoto politico senza precedenti all’interno delle istituzioni dell’Ue”, scrive il giornale, rilevando che per la prima volta nella storia repubblicana dell’Italia, il Paese sarà guidato da un partito “sovranista”.

Al Parlamento europeo, i Fratelli d’Italia di Meloni siedono con gli European Conservatives and Reformists (ECR), un gruppo la cui missione dichiarata è fermare o invertire il processo di integrazione che è alla base del progetto europeo sin dal Trattato di Roma nel 1957.

Tale missione contraddice la storia del coinvolgimento italiano con l’Ue,”La Repubblicaha aggiunto, rilevando che Roma “è sempre stata favorevole a una maggiore integrazione nell’Ue, sin dalla sua fondazione”.

IL DIBATTITO
IL DIBATTITO © FRANCIA 24

Non molto tempo fa Meloni ha chiesto l’uscita dell’Italia dall’eurozona, descrivendo le istituzioni dell’UE come “marce fino al midollo”. La sua posizione si è ammorbidita negli ultimi anni, sebbene durante la campagna elettorale lei più volte avvertito Leader Ue che “la corsa libera è finita”.

“Comprensibilmente c’è molta ansia per la posizione di Meloni sull’Europa. Può continuare ad allinearsi con Orban o intraprendere un percorso più istituzionale una volta al potere”, ha affermato Arturo Varvelli del Consiglio europeo per le relazioni estere.

“I leader dell’UE vedono Meloni con grande sospetto perché la sua insistenza retorica sull’interesse nazionale dell’Italia è in contrasto con la nozione di integrazione europea”, ha affermato. “Tuttavia, ha anche dimostrato di poter cambiare posizione su alcuni argomenti, non da ultimo sulla Russia”, ha aggiunto Varvelli, indicando il fermo sostegno di Meloni per sanzionare Mosca e armare Kiev.

La guerra dentro Ucraina ha contribuito a chiarire la posizione dei singoli leader rispetto alla Russia e all’alleanza occidentale, ha affermato Maurizo Cotta, professore di scienze politiche all’Università di Siena.

“Come risultato della guerra, tali scelte oggi sono più facili da fare, anzi sono quasi obbligatorie”, ha detto. “Meloni ha dimostrato di essere ancorata all’alleanza occidentale”. Al contrario, la guerra di Putin ha messo in luce le divisioni nel campo dei cosiddetti “sovranisti”, ha aggiunto Cotta.

“Orban, Polonia e Marine Le Pen non fanno solo conti. I polacchi sono fortemente legati alla NATO, mentre Orban e Le Pen no”, ha spiegato. “Potrebbero unirsi su questioni etiche come l’aborto e sull’interferenza dell’UE negli affari interni, ma sulla politica estera, sul piano di ripresa dell’UE e su come gestire l’immigrazione sono spesso in disaccordo”.

Le frequenti richieste dell’Italia di una maggiore flessibilità nella gestione del suo gigantesco carico di debiti in genere trovano poca simpatia tra gli Stati membri parsimoniosi dell’Europa orientale. E mentre questi ultimi condividono gran parte dell’accesa retorica di Meloni sul tema dell’immigrazione, sono anche i paesi meno inclini ad aiutare l’Italia a far fronte ai migranti che attraversano il Mediterraneo.

“Le idee di Meloni la mettono maggiormente in linea con i leader di Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca. Il suo problema è che quei paesi non supportano gli interessi italiani”, ha detto Talani. “Sarà interessante vedere come andranno a finire queste alleanze”.

La ripida curva di apprendimento di Meloni

Mentre riflette sulla scelta del suo primo gabinetto, Meloni deve affrontare una questione di risorse umane: trovare candidati adatti per le posizioni di vertice.

“C’è una sorprendente mancanza di esperienza sull’UE all’interno del suo entourage”, ha detto Talani. “Rispetto a Draghi, non è solo un salto indietro, è una caduta libera”.

Presidente Sergio Mattarella osserverà da vicino mentre inizierà le consultazioni con i leader del partito per discutere del nuovo governo. I presidenti italiani non possono scegliere e scegliere ministri, ma possono influenzare la scelta.

“Mattarella vorrà garantire che i ministeri chiave siano compatibili con l’UE”, ha affermato Cotta. «Ad esempio, è difficile immaginarlo accettare un ritorno di Salvini al ministero dell’Interno».


© Francia 24

La stessa Meloni deve affrontare una curva di apprendimento ripida, sia in patria che sulla scena internazionale, avendo servito solo come sottosegretario per la gioventù nell’ultimo governo Berlusconi nel 2008.

“Si può immaginare che non ci sarà grande simpatia tra Meloni e artisti del calibro di [French President Emmanuel] Macron e [German Chancellor Olaf] Scholz, almeno all’inizio. Ma una volta a Bruxelles, si renderà presto conto che non ha sempre senso schierarsi con Orban”, ha aggiunto Cotta.

Secondo Federiga Bindi, professoressa di scienze politiche all’Università di Roma Tor Vergata, Meloni può contare sull’esperienza e sulle reti che ha coltivato al Parlamento europeo, nonché sul pragmatismo mostrato durante la campagna elettorale.

“È una donna intelligente, conosce la politica, quindi sa benissimo che se vuole durare al governo non può andare testa a testa con le istituzioni europee”, ha detto Bindi.

Bindi ha anche minimizzato il rischio di una resa dei conti con Bruxelles sull’integrazione europea, osservando che l’UE sarà assorbita da preoccupazioni più pressanti nei prossimi mesi – e forse anni.

“In questo momento, l’Unione europea deve solo sopravvivere”, ha spiegato. “Affronterà un inverno molto duro, con continue flessioni economiche, probabilmente disordini sociali e probabilmente nemmeno abbastanza energia per il riscaldamento. Non sarà una corsa divertente. Quindi non credo che ci sarà molto spazio per l’UE per avere grandi progetti”.

Source link