• Sun. Dec 4th, 2022

Zero-COVID in Cina è la chiave dell’eredità di Xi mentre guarda al terzo mandato

ByGruppo Successo

Oct 7, 2022

Questa foto scattata il 31 luglio 2022 mostra i residenti in coda per sottoporsi ai test dell'acido nucleico per il coronavirus Covid-19 in un sito di raccolta dei tamponi a Guangzhou, nella provincia meridionale cinese del Guangdong.  Foto: AFP
Questa foto scattata il 31 luglio 2022 mostra i residenti in coda per sottoporsi ai test dell’acido nucleico per il coronavirus Covid-19 in un sito di raccolta dei tamponi a Guangzhou, nella provincia meridionale cinese del Guangdong. Foto: AFP

PECHINO: Per molti in Cina, anni di estenuanti blocchi e invasioni della privacy volte a estinguere il COVID hanno causato miseria.

Per il presidente Xi Jinping, il contenimento del virus è un trionfo.

Il suo approccio di tolleranza zero al COVID è diventato sinonimo degli sforzi per consolidare la sua autorità sulla Cina e sul suo Partito Comunista (PCC) al potere.

La fine del gioco inizia il 16 ottobre, quando migliaia di delegati del partito si riuniranno a Pechino per un importante congresso del partito in cui dovrebbe assicurarsi uno storico terzo mandato.

“L’eredità di Xi e la legittimità del PCC sono legate al successo della campagna zero-COVID”, ha detto all’AFP Diana Fu, esperta di politica interna cinese presso il think tank Brookings Institution.

Mentre il resto del mondo si è in gran parte trasferito per convivere con il COVID, Xi ha insistito su politiche draconiane volte a eliminare il virus.

L’approccio ha paralizzato la crescita della seconda economia più grande del mondo, che era già alle prese con un settore immobiliare carico di debiti e un’elevata disoccupazione giovanile.

Ma Xi ha puntato i piedi, dichiarando il percorso più “economico ed efficace” della Cina a zero COVID, pur mantenendo politiche che hanno approfondito il controllo dello stato sulla vita dei suoi 1,4 miliardi di persone.

– Test e codici QR –

Le tappe principali della campagna continuano ad essere i blocchi improvvisi, a volte confinando decine di milioni di persone nelle loro case per settimane o mesi.

In una delle recenti chiusure, ad alcuni residenti nella megalopoli di Chengdu non è stato permesso di uscire anche quando un terremoto ha scosso i loro condomini.

E nel centro economico di Shanghai, un blocco durato mesi ha portato a rare scene di proteste da parte della classe media e dei cinesi ricchi.

La frustrazione pubblica ha anche spinto oltre la censura Internet cinese e sui social media.

In uno dei casi di più alto profilo, un incidente d’autobus nella provincia rurale del Guizhou che ha ucciso 27 persone mentre si recava a una struttura di quarantena per il COVID ha suscitato un’ondata di critiche online.

I cordoli generali che erodono la privacy e limitano i movimenti hanno anche causato rabbia e risentimento.

I residenti in molte città devono ottenere un test negativo del coronavirus ogni pochi giorni per poter accedere agli spazi pubblici.

Quindi utilizzano i loro smartphone per scansionare i codici QR agli ingressi di uffici, centri commerciali e ristoranti e visualizzare i risultati dei test più recenti.

Un’icona verde indica che sono liberi di entrare, mentre rossa o ambra significa che potrebbero essere risultati rispettivamente positivi o passati vicino a qualcuno che l’ha fatto.

Ciò potrebbe portare a qualsiasi cosa, da pochi giorni di isolamento domiciliare a settimane in una struttura di quarantena.

Il sistema tiene inoltre traccia dei movimenti delle persone, lasciandolo aperto ad abusi, come quando le autorità sono state accusate di aver ostacolato le proteste anticorruzione quest’anno facendo diventare rossi i codici dei partecipanti.

Prima della pandemia, i cittadini cinesi erano già sotto stretta sorveglianza.

Steve Tsang, direttore del SOAS China Institute presso l’Università di Londra, ha affermato che l’apparato di monitoraggio del COVID è “in linea con il modello di controllo sociale” guidato da Xi.

‘Nessuna scelta’

La Cina sostiene che zero-COVID pone la vita umana al di sopra delle preoccupazioni materiali e ha contribuito a scongiurare le crisi di salute pubblica viste in altri paesi.

I funzionari hanno anche espresso il timore che il virus possa sopraffare il sistema sanitario irregolare della Cina se gli fosse permesso di diffondersi incontrollato, in particolare nelle comunità rurali anziane.

Finora, la Cina ha riportato poco più di 5.000 morti per COVID rispetto a oltre un milione negli Stati Uniti.

Ma mentre la variante più mite del virus Omicron ha ridotto il rischio di riapertura in molti paesi, i cordoli della Cina continuano a estrarre pesanti costi economici e sociali.

“Devono abbandonare la zero-COVID alla fine”, ha affermato Jin Dong-yan, professore alla School of Biomedical Sciences dell’Università di Hong Kong, definendolo “sbagliato e contro ogni evidenza scientifica”.

Il successo iniziale della politica ha creato un senso di inerzia tra i responsabili politici, secondo Allen Wu, professore alla facoltà di medicina dell’Università di Nanchino che ha consigliato l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“C’è questa mentalità per cui abbiamo fatto un lavoro così meraviglioso nel 2020 e nel 2021… se (ora) non facciamo nulla e un numero enorme di persone viene infettato, questo in pratica rivela tutto ciò che hai ottenuto”, ha detto all’AFP.

Molti in Cina parlano favorevolmente di zero-COVID, con Fu della Brookings Institution che afferma che la propaganda di stato ha convinto la maggior parte delle persone della necessità di tagliare i casi “a tutti i costi umani ed economici”.

“Un vasto numero di cittadini cinesi sostiene ancora misure draconiane nonostante l’evidente sofferenza personale”, ha affermato.

Anche quelli all’estremo limite della politica non hanno altra scelta che sottomettersi.

L’ingegnere di linea Ian Jiang ha trascorso 200 giorni in hotel di isolamento durante la pandemia e la Cina continua a imporre quarantene per gli arrivi all’estero fino a due settimane.

Jiang, 38 anni, ha descritto le misure come “molto scomode per la mia vita personale”.

“Ma questa è la politica del governo cinese”, ha detto Jiang. “Non hai scelta.”

È improbabile che ci sia molta opposizione aperta quando Xi riceverà l’adulazione dei delegati del partito al Congresso di questo mese.

“La campagna, indipendentemente dagli effettivi risultati socioeconomici, continuerà ad essere salutata come un trionfo del socialismo cinese”, ha detto Fu.

Source link