• Sun. Dec 4th, 2022

Il cambiamento climatico è molto più mortale del cancro in alcune parti del mondo, incluso il Pakistan: UNDP

ByGruppo Successo

Nov 5, 2022

I soccorritori aiutano a evacuare i pakistani colpiti dalle inondazioni dalle loro case colpite dalle inondazioni a seguito delle forti piogge monsoniche nel distretto di Rajanpur, nella provincia del Punjab, il 27 agosto 2022.— AFP
I soccorritori aiutano a evacuare i pakistani colpiti dalle inondazioni dalle loro case colpite dalle inondazioni a seguito delle forti piogge monsoniche nel distretto di Rajanpur, nella provincia del Punjab, il 27 agosto 2022.— AFP

NAZIONI UNITE: L’impatto del cambiamento climatico su Salute se le emissioni di carbonio rimangono elevate, potrebbero essere fino a due volte più letali del cancro in alcune parti del mondo, incluso il Pakistan, secondo i nuovi dati diffusi dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) e dal Climate Impact Lab.

Il nuovi dati mostra la necessità di agire rapidamente, non solo per mitigare il cambiamento climatico, ma anche per adattarsi alle sue conseguenze.

Ad esempio, a Faisalabad, in Pakistan, anche con una mitigazione moderata, i decessi aggiuntivi dovuti al cambiamento climatico sarebbero in media 36 ogni 100.000 persone ogni anno tra il 2020 e il 2039, secondo i dati. Senza espandere sostanzialmente gli sforzi di adattamento, Faisalabad potrebbe aspettarsi che i tassi di mortalità annuali legati ai cambiamenti climatici quasi raddoppino, raggiungendo 67 morti ogni 100.000 entro la metà del secolo. Un incremento mortale quasi quanto un ictus, attualmente la terza principale causa di morte in Pakistan.

“Mentre affrontiamo gli impatti punitivi del cambiamento climatico globale, può essere facile chiedersi se gli sforzi per ridurre le emissioni di singoli paesi, stati o città facciano davvero la differenza. Questa piattaforma mostra il ruolo diretto che questi sforzi svolgono nel plasmare il nostro futuro collettivo”, Hannah Hess di Climate Impact Lab, Direttore Associato di Rhodium Group.

A Dhaka, in Bangladesh, dove in uno scenario di emissioni molto elevate entro il 2100, i decessi aggiuntivi dovuti ai cambiamenti climatici potrebbero aumentare di quasi il doppio dell’attuale tasso di mortalità annuale del paese per tutti i tumori e di 10 volte i decessi annuali per incidenti stradali, secondo i dati .

“A causa dell’azione umana, la concentrazione di anidride carbonica nella nostra atmosfera sta raggiungendo livelli pericolosi, facendo aumentare le temperature della Terra e amplificando la frequenza e l’intensità degli eventi estremi”, afferma la piattaforma Human Climate Horizons, lanciata di recente, aggiungendo che senza un’azione concertata e urgente , il cambiamento climatico aggraverà ulteriormente le disuguaglianze e lo sviluppo diseguale.

Basandosi sulle analisi dei rapporti sullo sviluppo umano 2020, 2021 e 2022, e alimentati da un flusso in evoluzione di ricerca di frontiera, i dati mostrano come i cambiamenti climatici possono avere un impatto sulla vita delle persone, dalla mortalità ai mezzi di sussistenza e all’uso dell’energia.

Sebbene temperature più elevate e un clima più caldo mettano ovunque sotto stress i sistemi cardiovascolari e respiratori, i risultati variano da luogo a luogo, a seconda delle comunità che hanno le risorse per adattarsi e di quelle che non lo hanno.

I dati mostrano che il cambiamento climatico potrebbe aumentare i tassi di mortalità a Faisalabad, in Pakistan, di quasi 67 decessi ogni 100.000 abitanti, causando più vittime che ictus, la terza causa di morte nel paese.

A Riyadh, in Arabia Saudita, tuttavia, redditi più elevati potrebbero mantenere il bilancio delle vittime a 35 per 100.000, che è ancora più mortale del morbo di Alzheimer, la sesta causa di morte a livello globale.

Dalla fine del 19° secolo, la temperatura media della Terra è aumentata di quasi 1,2°C, cambiando l’intera superficie del pianeta, secondo la ricerca.

Tuttavia, miliardi di persone vivono in regioni che hanno già sperimentato un riscaldamento superiore alla media globale.

Ad esempio, la piattaforma ha indicato Maracaibo, in Venezuela, osservando che negli anni ’90 aveva una media di 62 giorni all’anno con temperature superiori a 35°C. Tuttavia, entro la metà del secolo, quel numero probabilmente salirà a 201 giorni.

La disponibilità di elettricità e i combustibili utilizzati per generarla per alimentare condizionatori d’aria e riscaldatori svolgono un ruolo cruciale nella nostra capacità di far fronte a temperature estreme, ha affermato l’UNDP.

Tuttavia, gli impatti dei cambiamenti climatici sull’uso dell’energia varieranno a livello locale, poiché gli individui, le comunità e le imprese si adattano alle condizioni utilizzando le risorse disponibili.

A Giacarta, ad esempio, si prevede che il consumo di elettricità in risposta alle temperature più calde aumenterà di circa un terzo dell’attuale consumo domestico in Indonesia. Ciò richiederà una pianificazione dell’infrastruttura aggiuntiva critica.

Temperature estreme più frequenti e severe influiscono anche sui mezzi di sussistenza, influendo sulla capacità di svolgere compiti e influenzando l’intensità e la durata del lavoro.

“L’impatto del cambiamento climatico differisce tra i settori dell’economia con i lavoratori in settori ad alto rischio ed esposti alle intemperie come l’agricoltura, l’edilizia, l’estrazione mineraria e la produzione”, secondo i dati della piattaforma.

A Niamey, in Niger, in settori come l’edilizia, l’estrazione mineraria e la produzione, il calore eccessivo era responsabile di 36 ore di lavoro in meno all’anno, con un tributo del 2,5% sul PIL futuro del paese.

In Niger, come in molte altre parti del Sahel, gli shock climatici hanno provocato siccità ricorrenti con impatti devastanti sulle popolazioni già vulnerabili della regione.

Il cambiamento climatico non è distribuito uniformemente a livello globale, e genererà un aumento significativo delle disuguaglianze nei prossimi anni e decenni.

Ma sottolineando che il futuro non è predeterminato, l’UNDP spera che le informazioni possano autorizzare le persone in tutto il mondo a intensificare l’azione per il clima.

Nel frattempo, l’UNDP ha anche lanciato questa settimana il rapporto How Just Transition Can Deliver the Paris Agreement, sottolineando la necessità di abbracciare la “rivoluzione verde” – o rischiare di aumentare la disuguaglianza sociale, i disordini civili e la perdita economica.

In vista della conferenza sul clima delle Nazioni Unite, COP27, che prende il via domenica a Sharm el-Sheikh, in Egitto, il rapporto mette in luce l’importanza di una transizione “equa ed equa” per raggiungere gli obiettivi climatici stabiliti nell’accordo di Parigi.

Dal fornire ai lavoratori nuove competenze in materia di economia verde e l’accesso alla protezione sociale al garantire che i paesi tracciano un percorso chiaro verso un futuro a zero netto, il capo dell’UNDP Achim Steiner ha affermato che il rapporto fornisce “intuizioni del mondo reale su come accelerare lo slancio attorno a un giusto transizione giusta ed equa per il settore energetico e non solo”.

Il rapporto analizza sia gli impegni sul clima a breve termine rafforzati, noti come contributi determinati a livello nazionale (NDC), sia le strategie a lungo termine in cui i paesi delineano piani per ridurre le emissioni di gas serra a zero.

In modo incoraggiante, il 72% delle nazioni con NDC rafforzati che fanno riferimento a una transizione giusta le collega a considerazioni socioeconomiche, mentre il 66% propone azioni e misure concrete che tengano conto della giustizia climatica.

Tuttavia, non riescono a stabilire collegamenti con gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) o l’uguaglianza di genere nei piani climatici a breve o lungo termine, perdendo un’opportunità significativa, ha affermato l’UNDP.

“Mentre il cambiamento climatico si intensifica e il mondo deve affrontare un’immensa crisi energetica… il disaccoppiamento dai combustibili fossili e gli investimenti nelle infrastrutture energetiche verdi di domani…[is] l’unica scelta economica logica”, ha affermato Steiner.

Source link