• Wed. Mar 29th, 2023

Gli scienziati esplorano gli oceani profondi per il trattamento del cancro

Byvillaggio-nettuno.it

Mar 4, 2023

I laboratori di tutto il mondo detengono librerie di composti che possono essere testati contro nuove malattie.  AFP/File
I laboratori di tutto il mondo detengono librerie di composti che possono essere testati contro nuove malattie. AFP/File

PARIGI: Alcuni inviano sommozzatori in motoscafi, altri inviano robot sommergibili per perlustrare il fondale marino e una squadra schiera un “missile di fango” – tutti gli strumenti utilizzati dagli scienziati per setacciare gli oceani del mondo alla ricerca del prossimo potente trattamento per il cancro o antibiotico.

Una molecola medicinale potrebbe essere trovata nei microbi raccolti nei sedimenti, essere prodotta da spugne porose o ascidie marine (creature dal corpo di botte che si aggrappano alle rocce o alla parte inferiore delle barche) o da batteri vivere in simbiosi in una lumaca.

Ma una volta che un composto rivela il potenziale per il trattamento, ad esempio, dell’Alzheimer o dell’epilessia, svilupparlo in un farmaco richiede in genere un decennio o più e costa centinaia di milioni di dollari.

“Supponi di volerlo curare il cancro — come fai a sapere cosa studiare?”, ha detto William Fenical, professore alla Scripps Institution of Oceanography, considerato un pioniere nella caccia ai medicinali di origine marina.

“Non lo fai.”

Con budget limitati e scarso supporto da parte delle grandi case farmaceutiche, scienziati spesso sulle spalle di altre spedizioni di ricerca.

Marcel Jaspars dell’Università scozzese di Aberdeen ha affermato che i colleghi raccolgono campioni facendo cadere un grande tubo di metallo su un cavo di 5.000 metri (16.400 piedi) che “sbatte” il fondo marino. Un metodo più sofisticato utilizza piccoli veicoli subacquei telecomandati.

“Dico alle persone, tutto quello che voglio davvero è un tubo di fango”, ha detto ad AFP.

Questa piccola ma innovativa area di esplorazione marina è sotto i riflettori durante i cruciali negoziati sui trattati d’alto mare delle Nazioni Unite, che coprono acque al di fuori della giurisdizione nazionale, che potrebbero concludersi questa settimana con nuove regole che disciplinano le aree marine protette cruciali per la protezione della biodiversità.

Le nazioni hanno a lungo litigato su come condividere i benefici delle risorse genetiche marine in mare aperto, compresi i composti utilizzati in medicinali, bioplastiche e stabilizzanti alimentari, ha affermato Daniel Kachelriess, co-responsabile della High Seas Alliance durante i negoziati.

Eppure solo un piccolo numero di prodotti con risorse genetiche marine trova la sua strada sul mercato, con solo sette registrati nel 2019, ha affermato. Il valore delle potenziali royalties è stato stimato tra $ 10 milioni e $ 30 milioni all’anno.

Ma l’enorme diversità biologica degli oceani significa che probabilmente c’è molto altro da scoprire.

“Più guardiamo, più troviamo”, ha detto Jaspars, il cui laboratorio è specializzato in composti provenienti da ambienti estremi del mondo, come bocche idrotermali sottomarine e regioni polari.

Origini naturali

Da quando Alexander Fleming ha scoperto una muffa che respinge i batteri che ha chiamato penicillina nel 1928, i ricercatori hanno studiato e sintetizzato composti chimici prodotti principalmente da piante, animali, insetti e microbi terrestri per curare le malattie umane.

“La stragrande maggioranza degli antibiotici e dei farmaci antitumorali proviene da fonti naturali”, ha detto Fenical ad AFP, aggiungendo che quando ha iniziato nel 1973, le persone erano scettiche sul fatto che gli oceani avessero qualcosa da offrire.

In una delle prime scoperte a metà degli anni ’80, Fenical e colleghi hanno scoperto un tipo di frusta marina – un corallo molle – che cresceva sulle barriere coralline delle Bahamas che produceva una molecola con proprietà antinfiammatorie.

Ha attirato l’attenzione della società di cosmetici Estee Lauder, che ha contribuito a svilupparlo per l’uso nel suo prodotto in quel momento.

Ma le quantità di fruste marine necessarie per ricercare e commercializzare il composto alla fine hanno portato Fenical ad abbandonare gli animali marini e concentrarsi invece sui microrganismi.

I ricercatori raccolgono i sedimenti dal fondo dell’oceano e poi coltivano i microbi che trovano in laboratorio.

Nel 1991 Fenical ei suoi colleghi trovarono un batterio marino precedentemente sconosciuto chiamato Salinispora nel fango al largo delle Bahamas.

Più di un decennio di lavoro ha prodotto due farmaci antitumorali, uno per il cancro ai polmoni e l’altro per il glioblastoma, un tumore al cervello incurabile. Entrambi sono nelle fasi finali degli studi clinici.

Fenical – che a 81 anni gestisce ancora un laboratorio a Scripps – ha detto che i ricercatori erano entusiasti di essere arrivati ​​così lontano, ma l’eccitazione è mitigata dalla cautela.

“Non sai mai se qualcosa sarà davvero buono o per niente utile”, ha detto.

Nuove frontiere

Quella lunga pipeline non è una sorpresa per Carmen Cuevas Marchante, responsabile della ricerca e sviluppo presso l’azienda biotecnologica spagnola PharmaMar.

Per la loro prima droga, hanno iniziato coltivando e raccogliendo circa 300 tonnellate di astidea bulbosa.

“Da una tonnellata potremmo isolare meno di un grammo” del composto di cui avevano bisogno per gli studi clinici, ha detto ad AFP.

L’azienda ha ora approvato tre farmaci antitumorali, tutti derivati ​​da ascidie, e ha messo a punto i suoi metodi per produrre versioni sintetiche di composti naturali.

Anche se tutto va bene, ha detto Marchante, possono passare 15 anni tra la scoperta e l’introduzione di un prodotto sul mercato.

Complessivamente, dal 1969 sono stati approvati 17 farmaci di origine marina per il trattamento di malattie umane, di cui circa 40 in varie fasi di studi clinici in tutto il mondo, secondo il tracker online Marine Drug Pipeline.

Quelli già sul mercato includono un antivirale per l’herpes da una spugna e un potente antidolorifico da una lumaca conica, ma la maggior parte cura il cancro.

Ciò, dicono gli esperti, è in parte dovuto al fatto che gli enormi costi delle sperimentazioni cliniche – potenzialmente superiori a un miliardo di dollari – favoriscono lo sviluppo di farmaci più costosi.

Ma c’è una “miriade” di ricerche in fase iniziale sui composti di origine marina per qualsiasi cosa, dalla malaria alla tubercolosi, ha detto Alejandro Mayer, professore di farmacologia alla Midwestern University dell’Illinois che gestisce il progetto Marine Pipeline e la cui specialità è l’immunità del cervello sistema.

Ciò significa che c’è ancora un enorme potenziale per trovare il prossimo antibiotico o terapia per l’HIV, affermano gli scienziati.

Potrebbe essere prodotto da una creatura sepolta nei sedimenti oceanici o tranquillamente aggrappata allo scafo di una barca.

Oppure potrebbe essere già in nostro possesso: i laboratori di tutto il mondo detengono librerie di composti che possono essere testati contro nuove malattie.

“C’è una frontiera completamente nuova là fuori”, ha detto Fenical.

Source link